Ultima modifica: 23 aprile 2016
Home > Progetto Teatro alla Scala

Progetto Teatro alla Scala

“Gli studenti del Daverio Casula alla Scala di Milano: 105 alunni delle classi quinte incontrano esperti di musica e vanno a teatro per seguire concerti, il balletto e l’Opera”

Il percorso con cui gli studenti dell’Istituto Daverio Casula si sono affacciati all’universo della musica clasLogoScalasica teatrale ha avuto come cardine il Teatro la Scala di Milano, il più celebre e visitato simbolo dell’Opera italiana nel mondo: il sogno che ha mosso il progetto era dare la possibilità ai ragazzi di un istituto tecnico la possibilita’ di sperimentare la bellezza che la musica può offrire, respirando la magia del luogo in cui lo stesso Verdi ha presentato i suoi capolavori e i più grandi cantanti, musicisti e direttori si sono esibiti.

L’interesse mostrato dagli alunni è stato sorprendente e ha portato 105 studenti di classe quinta ad iniziare questo “viaggio”, alternando momenti di formazione e partecipazione a spettacoli e conoscendo i diversi aspetti del linguaggio musicale teatrale: il concerto, il balletto e l’Opera.

Un gruppo di ragazzi ha assistito al sontuoso balletto di Pëtr Il’ič Čajkovskij “Lo Schiaccianoci”, una fiaba in musica composta di diversi “quadri” in cui ogni danza è accompagnata da melodie armoniose e celebri, come il “Valzer dei fiori”.

teatro La Scala MilanoIl percorso è proseguito con la partecipazione a due concerti estremamente diversi tra di loro: nel primo venti giovani solisti internazionali dell’Accademia di perfezionamento del Teatro la Scala si sono esibiti in arie corali tratte dalle Opere di Mozart, Donizetti, Verdi, Bizet e Strauss; il secondo concerto sarà in una formazione orchestrale ridotta, un quartetto d’archi, che eseguirà alcuni brani di Cjakovskij, e altri piu’ moderni, fino ad un brano contemporaneo di un musicista che suonerà in quella stessa occasione.

A Giugno il progetto culminerà con la visione del Der Rosenkavalier , il Cavaliere della Rosa, opera in lingua tedesca del 1911 di Richard Strauss che completerà idealmente il percorso svolto, unendo canto, musica orchestrale, recitazione, scenografia, danza.

La formazione proposta agli studenti è stata strutturata in un primo incontro condotto dalla musicologa Giuseppina Mascari riguardante l’ evoluzione dell’Opera tra il 1600 e il 1800, con particolare attenzione al ruolo rivestito nel mondo dal Teatro la Scala .

A distanza di alcuni giorni gli studenti si sono immersi nella vita quotidiana di giovani cantanti, ballerini, scenografi , costumisti, truccatori che frequentano l’Accademia del teatro La Scala: il documentario “Fuoriscena” (premio speciale della giuria dei Nastri d’argento 2014 e vincitore di premi internazionali)ha ripreso silenziosamente e dall’ ”interno”un anno della vita scolastica di questi futuri professionisti dello spettacolo operistico; la presenza durante la proiezione del film di Alessandro Leone, uno dei registi, ha permesso di cogliere le sfumature di un percorso artistico e personale esigente , che prepara a realizzarsi nei grandi teatri del mondo o all’interno di compagnie di ballo prestigiose.

In conclusione, l’ampia adesione degli studenti a questo progetto conferma il desiderio dei ragazzi di aprirsi a proposte che propongano un ideale di bellezza particolare e la necessità di promuovere la cultura musicale e teatrale con la consapevolezza dell’eccellenza italiana in questo campo, di cui il teatro La Scala ne è simbolo.

Estratti della formazione al progetto:

Documentario “Fuoriscena”: proiettato alla presenza del regista Alessandro Leone

Lezione musicologa Giuseppina Mascari

Link vai su